La nebbia nella testa

La nebbia è scesa anche questa sera sulla nostra millenaria città. Una nebbia fredda, densa, biancastra che ricopre tutto e impedisce di vedere a pochi metri. Ma Ferrara è questa, è da sempre la sua caratteristica e forse anche quella del suo popolo, di cui io ne faccio (…io di certo…) orgogliosamente parte.

Questa nebbia però pare che stia entrando anche nella testa della gente. Si si proprio nella scatoloa cranica, inumidendo più del dovuto tutte le circonvoluzioni cerebrali e mettendo in crash le varie sinapsi.

Vuoi che sia per il Covid, vuoi per la crisi, vuoi per il fatto dei due lockdown, non lo so ma stanno cambiando. Si, le persone intendo, stanno cambiando, cazzo, e lo fanno a vista d’occhio.
Le frequenti da anni e pensi, o almeno credi, di conoscerle e invece no… porca puttana dopo pochi giorni ti trovi ad avere a che fare con dei perfetti sconosciuti. Un pò come salire su una Ford per andare al lavoro e quando scendi, ti trovi su una Nissan…. ti guardi attorno e… ma che cazzo?

Chi mi conosce, sa che da anni mi occupo di argomenti che per i più sono definiti ‘strani’, dall’esoterismo all’occultismo, al paranormale, ecc. ecc.

Ecco, proprio su uno di questi siti, diciamo abbastanza affidabili, leggevo di un tizio che blaterava di un periodo (si parla di un paio di anni fa…) che sarebbe arrivato in cui le maschere sarebbero cadute.
Ma cosa diamine avrà voluto dire in questo suo pezzo – mi chiesi all’epoca – rimanendo un po’ allibito?

Ora lo so bene. Come direbbero i toscani ‘maremma maiala‘ se lo so!

 

Le persone stanno cambiando. Le persone sono state per anni una cosa e adesso sono tutt’altro! Si rivelano stronze, egocentriche, vittime, quando prima non lo erano… quindi mi chiedo… davvero non lo erano o a causa di quel famoso cambio di frequenze che staremo vivendo non lo capivamo? Perchè sono un po’ troppe… perchè sono troppe le persone che come me si stanno rendendo conto di questa situazione di merda!

Farò la mia parte per salvare il salvabile ma se vedrò che non c’è interesse, allora credo che il più grande atto di amore sia proprio lasciar andare.

Oltre a queste situazioni però si stanno riscoprendo altre persone che si stanno risvegliando dal loro torpore, si scrollano di dosso i loro mostri e rinascono, poi arrivano altri, con buone energie e si creano sinergie importanti e bellissime nuove amicizie.

E’ tutto così assurdo ma un cambiamento molto pesante è in corso e credo che questo sia solo l’inizio.

Io i nervi saldi li ho, ho un passato che mi ha forgiato come l’acciaio sull’incudine del fabbro, non temo queste situazioni anche se so che probabilmente perderò amiche ed amici cari, resto saldo nella mia fede e nel mio cuore e non sto parlando di religione.

E voi? Avete una maschera? L’avete tolta? O siete semplicemente voi stessi? Mi raccomando…. come dicevano gli antichi veneziani… DURI I BANCHI! Ne vedremo di belle!

 

Articolo creato 22

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto