I colori dei ricordi (2011)

Copertina-davanti

Questa seconda raccolta di poesie, a differenza della prima non è monotematica.

Ho voluto raccogliere alcune decine dei miei scritti divisi in cinque categorie ben definite che sono:

– AMORE
– RIFLESSIONI
– MONTAGNE
– FERRARA
– NATURA

Cinque diverse tipologie di poesie scritte fra il 1995 ed il 2012.

Pensieri mai pubblicati e stesi su carta in un lasso di tempo abbastanza lungo, il quale attraversa diverse sfumature ed esperienze della mia vita, dal periodo di Ferrara a quello di Milano per arrivare di nuovo ai momenti vissuti in Trentino e poi tornare, dal 2008 in poi ancora nella mia tanto amata città.

La vita presenta sfaccettature così varie e a distanza di così poco tempo che è come essere dentro un turbine, oggi un esperienza, dopodomani un’altra.
Non si è mai sullo stesso piano emotivo e poter avere la fortuna di riuscire a mettere su carta queste percezioni è un privilegio che pochi hanno.

A volte, ho questa possibilità, riesco a descrivere quello che dentro lo stomaco e il mio cuore muove queste sensazioni che chiamiamo emozioni e che ti fanno ridere, piangere, godere o soffrire in maniera tremenda.

Mi posso quindi ritenere una persona molto fortunata, così ho deciso di condividere pubblicamente ancora una volta questo mio lato sensibile e anche intimo se vogliamo, dei miei sentimenti verso alcune donne che ho incontrato lungo il mio cammino, talune di queste solamente ideali e quindi parto della mia fantasia nella ricerca utopica della “compagna ideale”, talaltre esistite davvero.

Alcune altre poesie parlano della mia città natale, molte scritte in quel periodo in cui vivendo a Milano, saltuariamente avevo la possibilità di recarmici magari in un weekend, altre di montagna, di quella montagna che ho conosciuto e amato fin da bambino e che mi ha segnato profondamente dentro, di cui ho già scritto nel mio primo libro nel 2011.

Più profonde e forse meno approcciabili (si può dire?) sono quelle nella sezione ‘Riflessioni’ dove dal mio io più interno e in momenti molto particolari ho lasciato fuoriuscire sensazioni e pensieri particolarmente complessi e articolati, frutto di momenti di profonda meditazione.
Ma lascio a voi lettori decidere se apprezzare o meno questi scritti, lasciandovi alla lettura di questo nuovo volume.

Come consuetudine, voglio portare una dedica su questo libro.

Lo dedico innanzitutto a mio fratello maggiore Matteo.
Ha lasciato da poco questo mondo in uno dei luoghi più belli della nostra città, per recarsi altrove, in altre dimensioni, sicuramente più leggere di questa nostra presente.

A lui devo molto di quello che sono adesso, i miei gusti musicali, la mia cultura alimentare, il mio modo di essere e alcuni dei percorsi formativi che ho intrapreso grazie alla sua affettiva cocciutaggine nei miei confronti.
Vive in me una buona parte di lui perchè porto avanti il suo ricordo e la sua cultura.

Dedica immancabile è alla mia anima, splendore dei miei giorni tutti, l’ultima persona che vedo prima di coricarmi e la prima che vedo al mattino, Angela.
Sempre al mio fianco, nel bene e nel male, in giorni di sole e meravigliosi e in momenti di scoramento.
Grazie di essere quello che sei e di portare serenità nei miei giorni.

A tutti gli amici che mi sono vicini e che sono degni di questo appellativo, ‘amici’ che oggi più che mai è una rarità da trovare.

Buona lettura.

ACQUISTA LA TUA COPIA QUI